top of page
icona servizio.png

Attività di Servizio

SANTUARIO DELLA PIETRINA - MONTAIONE (Fi)


Situato nell’estremità meridionale del Parco Benestare, istituito dai Comuni di Montaione e Gambassi Terme a indicare le bellezze ambientali del territorio, il Santuario della Pietrina si erge su Poggio Spadone, uno sperone di roccia su cui affiorano formazioni paleozoiche fra le più antiche e mineralizzate della Toscana.


Per raggiungerlo è necessario inerpicarsi lungo una ripida strada che porta in località Palagio e quindi ai resti dell'antico Castello della Pietrina ai piedi del quale si trova un presepe permanente.


Di lato la chiesetta, essenziale nella sua costruzione in pietra, a navata unica e dalla copertura a capriate. E’ intitolata ai santi Agata e Andrea, raffigurati in due statue in terracotta, all’interno di due nicchie laterali al portone d’ingresso.


Caratterizzata all’interno da un arco a mattoni che delimita lo spazio del presbiterio, la Pietrina è celebre fra i fedeli della zona per la Madonna delle Grazie, a cui si suole lasciare un ex voto.


Quella esposta è una copia dell’immagine sacra, dipinta su tavola nel XIV secolo dal pittore senese Bartolo di Fredi, allievo di Simone Martini; l’originale è conservato presso la Curia di Volterra e qui torna tutti gli anni, portata in processione, l'ultima domenica di settembre.


Nel 1988, anno del restauro del sacro edificio della “Pietrina”, la cappella è stata dichiarata “Santuario Mariano” e nel 2018 Papa Franscesco ha concesso l’indulgenza plenaria ai fedeli di questo luogo di preghiera, a riprova del grande valore che gli viene attribuito per la salvezza delle anime.


Il nome della Pietrina è ricordato per la prima volta in un documento del 1118; notizie più certe si hanno a partire dal XIV secolo quando il castello della Pietra fu conquistato da San Gimignano e in seguito sottomesso a Firenze. Nel 1835 passò definitivamente al comune di Montaione.


Custodito da un gruppo di volontari del luogo, il santuario è sempre aperto ed è diventato mèta turistica anche perchè da questa altura si gode uno dei panorami più suggestivi della Toscana, dove l’occhio si perde sulle colline della Valdera fino al mare.

87 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page